1000 MIGLIA


La Storia

La Mille Miglia fu una corsa fatta su strade aperte al traffico, che si tenne in Italia per 24 volte dal 1927 al 1957. Dal 1977, la Mille Miglia rivive sotto forma di gara di regolarità per auto d'epoca. La partecipazione è limitata alle vetture, prodotte non oltre il 1957, che avevano partecipato alla corsa originale. Enzo Ferrari, in occasione di una rievocazione, la definì “un museo viaggiante unico ed affascinante, allestito in una straordinaria cornice di pubblico festante”. La Mille Miglia, proprio come allora, oltre che evento automobilistico, è fenomeno di costume, evento sociale e culturale capace di coniugare sport, ambiente, storia, arte e natura.

La gara fu istituita dal giovane conte Aymo Maggi di Gradella e dal conte Franco Mazzotti, apparentemente in risposta allo spostamento del Grand Prix italiano da Brescia a Monza. Insieme ad un gruppo di giovani benestanti, scelsero un percorso da Brescia a Roma e ritorno, un percorso ad otto di circa 1.600 km. 1600…ossia, come suggerì Mazzotti, appassionato aviatore, mille miglia, all'americana. Detto, fatto: il 26 marzo 1927 prese il via la prima edizione della corsa destinata a diventare la più famosa del mondo. La prima Mille Miglia vide la partecipazione di 77 equipaggi (tutti italiani), ci cui solo 51 raggiunsero l'arrivo a Brescia alla fine della gara. La corsa coprì 1.618 km. Il vincitore, Giuseppe Morandi, completò la gara in sole 21 ore e 5 minuti, ad una media di circa 78 km/h.